+ - reset
English (UK)Italian (IT)
Repertorio eventi

Repertorio eventi

Un Nobel senza fili

15 dicembre 2009
Auditorium Biagi, Sala Borsa, Bologna

presentazione del volume
GUGLIELMO MARCONI - UN NOBEL SENZA FILI

interventi: Gabriele Falciasecca, Barbara Valotti, Alessandro Zucchini
coordina: Fabio Raffaelli

Il volume è concepito e realizzato in occasione del centenario del Premio Nobel per la Fisica a Guglielmo Marconi, congiuntamente alla mostra "Guglielmo Marconi Premio Nobel 1909-2009" che si è inaugurata giovedì 10 dicembre in Sala d'Ercole di Palazzo d'Accursio, a Bologna.
Il volume propone in versione bilingue i due discorsi ufficiali della cerimonia di premiazione (10 dicembre 1909) nonché la conferenza (Nobel Lecture) tenuta da Marconi il giorno successivo, sempre a Stoccolma. A corredo dei tre documenti, alcune schede aiutano a contestualizzare l'avvenimento. Cinque contributi scientifici approfondiscono il tema della comparsa e del progressivo imporsi del wireless e del suo principale artefice, Guglielmo Marconi. Dodici tavole a colori riproducono alcuni degli strumenti usati da Marconi nei primi anni della sua avventura tecnico-scientifica.
Gli autori dei saggi sono Gabriele Falciasecca, Anna Guagnini, Barbara Valotti, Giancarlo Dalle Donne e Massimo Temporelli.
Il volume è edito da Bononia University Press. 

Pubblicazione a cura del Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario del Premio Nobel a Guglielmo Marconi, promossa da Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Fondazione Marconi, con il contributo scientifico del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, con il patrocinio di Provincia di Bologna, Comune di Sasso Marconi, Università di Bologna, Ufficio Scolastico Regionale Emilia-Romagna, con il contributo di Telecom Italia, Ministero per i Beni Culturali - Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Emilia-Romagna, Fondazione del Monte, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

presentazione volume

Il pioniere del wireless

12 dicembre 2009
Cinema Lumière, Bologna

IL PIONIERE DEL WIRELESS
Guglielmo Marconi 1874-1937

Anteprima nazionale del film documentario sulla vita di Guglielmo Marconi, ispirato al racconto teatrale di Giorgio Comaschi Quello della radio.

regia: Enza Negroni
con Giorgio Comaschi
e la partecipazione di Alessandro Pilloni
fotografia: Andrea Dalpian
riprese: Andrea Dalpian, Stefano Muti
montaggio: Giusi Santoro
musiche: Riccardo Nanni, Giancarlo Di Maria

prodotto da POPCult
in collaborazione con Regione Emilia-Romagna, Fondazione Marconi, Università di Bologna

Il pioniere del wireless è un documentario che narra la vita di uno dei più grandi inventori dei nostri tempi: Guglielmo Marconi.
Giorgio Comaschi, narratore e testimone oculare di una esistenza straordinaria, alterna momenti divertenti, aneddoti romanzati, considerazioni sul grande inventore bolognese, a cronache della sua vita, mettendo così in evidenza l'importanza delle sue scoperte, che oggi ci permettono di usufruire di cellulari, telecomandi, telepass, tecnologia satellitare.
La regista Enza Negroni si confronta così con un intreccio di drammaturgia teatrale, tecnica cinematografica e cronaca giornalistica, riconsegnando alla memoria collettiva la vita e i veri luoghi di Marconi: le prime scoperte e i primi successi, i momenti di grande sofferenza, il cambiamento di carattere e di modo di vivere, i risvolti internazionali, fino ad arrivare all'atto finale.
Dimenticato il palcoscenico, il testo teatrale si trasforma in una vera e propria sceneggiatura che aderisce alle esigenze del linguaggio cinematografico utilizzando foto, repertori visivi e sonori d'epoca.
Il risultato mette in luce un Marconi diverso e sconosciuto, più umano, dove accanto ai difetti degli uomini comuni si evidenzia comunque la genialità di uno dei più grandi inventori della nostra era.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

pionieredelwireless

Marconi, la Radio, il Nobel

11 dicembre 2009
Protomoteca del Campidoglio
Piazza del Campidoglio, Roma

GUGLIELMO MARCONI: LA RADIO, IL NOBEL E I 100 ANNI CHE HANNO SCONVOLTO IL MONDO

alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Apertura

Enrico Manca, Presidente Fondazione Bordoni
Mauro Cutrufo, Vide Sindaco di Roma
Claudio Scajola, Ministro dello Sviluppo Economico  

Guglielmo Marconi: l'uomo che aprì l'era delle Telecomunicazioni

Piero Angela: Excursus biografico con l'utilizzo di documenti audiovisivi

Le sfide della ricerca

Carlo Rubbia, Premio Nobel per la Fisica (1984)
Gabriele Falciasecca, Presidente Fondazione Marconi

ICT: sviluppo economico, competizione, regole

Giuseppe Richeri, Università di Lugano – Comitato Scientifico Fondazione Bordoni (moderatore)

Hamadoun I. Touré, Segretario Generale International Telecommunication Union
Andimuthu Raja, Ministro delleTelecomunicazioni dell'India
Shi Tong Yu, Direttore della Ricerca sui media Accademia delle Scienze Sociali Cinese (in audio-video)
Fernando de Oliveira, Segretario Esecutivo Ministero delle Comunicazioni del Brasile
Padre Federico Lombardi, Direttore di Radio Vaticana  
Robert McDowell, Commissario della US Federal Communication Commission (in audio-video)  
Fabio Colasanti, Direttore Generale Information Society & Media della Commissione Europea
Corrado Calabrò, Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Le imprese che hanno cambiato il nostro modo di comunicare

Gianni Letta, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (apertura)
Gianni Riotta, Direttore Il Sole 24 Ore (moderatore)
Maurizio Dècina, Politecnico di Milano (introduzione)

Franco Bernabè, Telecom
Paolo Bertoluzzo,Vodafone
Mauro Crippa, Mediaset
Paolo Garimberti, Rai  
Luigi Gubitosi, Wind
Vincenzo Novari, 3 Italia
Stefano Parisi, Fastweb
Giuseppe Veredice, Telespazio

Paolo Romani, Vice Ministro allo Sviluppo Economico

Ricerca, innovazione, nuove tecnologie: un percorso per il futuro delle nuove generazioni

Mario Frullone, Direttore delle Ricerche della Fondazione Bordoni (moderatore)
Luciano Maiani, President del Consiglio Nazionale delle Ricerche (introduzione)
Leonardo Chiariglione, Ceo di Cedeo.net – Comitato Scientifico Fondazione Bordoni (contributo)

Cesare Avenia, Ericsson
Gianni Vittorio Armani, Terna
Pier Francesco Guarguaglini, Finmeccanica
Stefano Lorenzi, Alcatel-Lucent
Mauro Moretti, Ferrovie dello Stato
Leonardo Maugeri, ENI

 

Giornate di studio marconiane a cura della Fondazione Ugo Bordoni

 

 

 

 

 

protomoteca

Cartoline da Pontecchio

12-20 settembre, 10-13 dicembre 2009
Teatro Dehon, Bologna

CARTOLINE DA PONTECCHIO MARCONI

interpreti
Alessandro Fornari, Marco Marconi, Aldo Sassi, Sebastiano Spada, Federica Tabori, Andrea Zacheo

testo e regia
Guido Ferrarini

Uno spettacolo multimediale che fa largo uso delle nuove tecnologie con effetti molto spettacolari. Undici quadri molto visivi che mostrano la tenacia dell'inventore e l'intelligenza e l'intuizione dell'uomo.
Lo spettacolo non è una biografia, assurge piuttosto ad archetipo della volontà umana di raggiungere sempre e comunque la conoscenza. 
Tutto avviene cento e più anni fa fra Livorno e Pontecchio, fino al famoso colpo di fucile. Ci si commuove con l’umanità del professor Rosa, primo insegnante di Marconi e con Nello Marchetti, il telegrafista cieco che gli insegnò a usare il tasto telegrafico. Si sorride alle espressioni stupefatte e incredule del famiglio Marchi che lo assiste nei suoi esperimenti, o agli infondati timori e alla sciocca incredulità e superstizione dei contadini di Pontecchio che lo vedono armeggiare con strane e rumorose apparecchiature. Ma soprattutto si soffre e si è in ansia con lui, ragazzo di vent’anni, che sta febbrilmente cercando di dimostrare che le supponenti teorie dei grandi scienziati non sempre hanno ragione al cospetto dell’intuizione, della volontà e dell’intelligenza dei grandi predestinati. E infine si gioisce con lui quando dalla valle lontana echeggia, potente e innovativo, il famoso colpo di fucile, che da quel momento metterà per sempre il mondo in comunicazione con se stesso.
Tutto questo sotto l’occhio implacabile e freddo del Computer, e dei suoi virus.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cartoline

Completamento lavori di restauro

RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI LUOGHI MARCONIANI

Il rinnovato Museo Marconi, situato all’interno di Villa Griffone (casa Marconi da metà Ottocento), riscuote da alcuni anni un crescente successo di visitatori. Il parco della Villa è meta di molti visitatori attratti, oltre che dal Museo, dal Mausoleo in cui sono raccolte le spoglie dello scienziato. L’intero complesso è Monumento Nazionale e richiamerà un numero maggiore di turisti nel periodo del Centenario.


Giovedì 10 dicembre 2009
Inaugurazione area monumentale di Villa Griffone e Mausoleo Marconi
al termine dei lavori di restauro e nel giorno del Centenario del conferimento del Premio Nobel per la Fisica a Guglielmo Marconi.
Dalle ore 11: interventi delle autorità, taglio del nastro, brindisi augurale.
Partecipano Elettra Marconi Giovanelli, il Sindaco di Sasso Marconi Stefano Mazzetti, gli sponsor dei lavori di restauro.
Annullo filatelico commemorativo a cura del Circolo Filatelico “G. Marconi” dalle ore 9.30 alle 12.30.


Già da qualche tempo è maturata l’idea – nata da un’intuizione dell’architetto Ferdinando Forlay - di realizzare un Auditorium interrato nell’area compresa tra il retro della Villa Griffone e le pendici della storica collina dei Celestini che vide i natali della telegrafia senza fili nel lontano 1895. Si dovrebbe trattare di un intervento forte e prestigioso, capace di cercare nuove vie estetiche senza snaturare l'identità architettonica e paesaggistica dei luoghi marconiani: lungi dall’essere elemento di disturbo, esso dovrebbe integrarsi perfettamente con il paesaggio arricchendolo di nuovi elementi di attrazione. L’idea ha suscitato l’immediato interesse dell’Amministrazione Comunale di Sasso Marconi, nel cui territorio è altresì avvertita con forza la necessità di uno spazio di aggregazione e comunicazione ad uso delle numerose e vitali realtà che operano sul territorio.

Da queste premesse, in occasione di una ricorrenza così simbolica come quella del centenario del conferimento a Marconi del Premio Nobel, nasce l’idea di bandire un pubblico concorso internazionale di idee per la riqualificazione dei luoghi marconiani: una competizione che, nel nome dello scienziato che ha rivoluzionato la tecnologia della comunicazione, possa riunire le migliori energie e risorse nel campo dell’architettura e della progettazione di spazi culturali pubblici. Obiettivi del concorso di idee dovranno essere il miglioramento dell'accessibilità ai servizi culturali della Fondazione, anche attraverso la progettazione di una nuova struttura interrata esterna per accogliere gli eventi culturali e l'integrazione tra la funzionalità della Villa e lo spazio museale in relazione alla definizione di un nuovo e più organico percorso di visita dell'intero complesso. Sempre nell’ottica di una nuova valorizzazione del territorio, il Comune di Sasso Marconi si è impegnato nella realizzazione di servizi ad uso principalmente dei turisti nell’area del Mausoleo Marconi, situato ai piedi della Villa Griffone.

 

 

mausoleo

 

 

 

 

Un mondo wireless

4 dicembre 2009
Tekniska Museet, Stoccolma

UN MONDO WIRELESS
Il contributo dell’Italia alle telecomunicazioni cento anni dopo il Premio Nobel a Marconi

Ann Follin, Direttore del Museo Tekniska 
Anna Della Croce, Ambasciatrice Italiana
Åsa Torstensson, Ministro Svedese delle Comunicazioni
Paolo Romani, Sottosegretario Italiano alle Comunicazioni
Gabriele Falciasecca, Presidente della Fondazione Guglielmo Marconi 
Franco Angotti, Presidente del Comitato per le celebrazioni di Antonio Meucci 
Enrico Manca, Presidente della Fondazione Ugo Bordoni

Karl Grandin, Direttore del Centro di Storia della Scienza dell’Accademia Reale Svedese delle Scienze 
Motivazioni e metodi di assegnazione del Premio Nobel.
Luciano Maiani, Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
Guglielmo Marconi Presidente del CNR: il suo impegno per il riconoscimento del contributo italiano alle telecomunicazioni.

Guglielmo Marconi: gli uomini del terzo millennio, sceneggiatura del documentario di RAI Educational

Stefano Selleri, Università di Firenze
Gli albori delle comunicazioni radio attraverso gli archivi fotografici della Marina Italiana.
Gaspare Galati, Università "Tor Vergata" di Roma
Verso la scoperta del radar in Italia: Guglielmo Marconi e Ugo Tiberio.
Mary K. Macleod, Università di Cape Breton
Un mormorio nell’aria - Marconi: gli anni canadesi.
Nils Olander, Curatore del Museo Tekniska 
Introduzione alla mostra. La storia della “tenda rossa".

Inaugurazione della mostra e trasmissione di un messaggio radio in diretta mondiale 

Enrico Del Re, Università di Firenze
Meucci e Marconi: con e senza fili, il mondo di oggi e domani.
Håkan Eriksson (TBC), Vice Presidente Ericsson
Evoluzione e prospettive delle comunicazioni wireless.
Östen Mäkitalo (TBC), KTH Radio Communication Systems
Il futuro delle comunicazioni e della ricerca sulle onde elettromagnetiche.

Francesco Paresce Marconi, Istituto di Astrofisica Spaziale
Da Galileo a Poldhu e oltre.
Enrico Saggese, Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI)
Onde nello spazio: comunicazioni spaziali e osservazione della terra con il radar.
Olle Norberg, Direttore Generale dello Swedish National Space Board (agenzia spaziale svedese)
Strutture e know-how nelle comunicazioni spaziali svedesi. 

A cura dell’Ambasciata Italiana a Stoccolma, del Museo Nazionale di Scienza e Tecnologia (Tekniska Museet), del Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Premio Nobel a Marconi, del Comitato per le celebrazioni di Antonio Meucci.
Con il sostegno della Reale Accademia Svedese delle Scienze.

 

 

stockholm tekniska mus

 

 

 

 

 

Wireless, Telecomunicazioni e Spazio

3 dicembre 2009
Espace Monte Paschi, Bruxelles

WIRELESS, TELECOMUNICAZIONI E SPAZIO: IL FUTURO DOPO MARCONI 

Interventi:

  • Ambasciatore Sandro Maria Siggia, Benvenuto
  • Barbara Valotti – Direttrice del Museo Marconi, Pontecchio M., The origin of wireless: Guglielmo Marconi, 1909 Nobel laureate in Physics
  • Luciano Maiani – Presidente del CNR, Roma, Marconi scientist and the early National Research Council of Italy
  • Véronique Halloin – Segretario Generale del Fonds de la Recherche Scientifiche (FRS-FNSR, Fondo per la Ricerca Scientifica), Bruxelles, The role of FRS-FNRS in Belgian physics research
  • Elisabeth Monard - Segretario Generale del Fonds voor Wetenschappelijk Onderzoek - Vlaanderen (FWO), Bruxelles, FWO: Where discoveries begin...
  • Gabriele Falciasecca – Presidente della Fondazione Marconi, Pontecchio M., Invention and innovation: the case of Marconi and wireless communication
  • Rodolfo Zich – Presidente dell’Istituto Mario Boella e del Dipartimento di Elettronica del Politecnico di Torino, Radio-based processes: a constitutive role for the future
  • Jean Marie Frère – Direttore del Dipartimento di Fisica Teoretica, Université Libre de Bruxelles, From radio waves to elementary particles and the universe
  • Francesco Paresce Marconi – Istituto Italiano di Astrofisica, Roma, From Galileo to Poldhu and beyond
  • Christoffel Waelkens – Direttore del dipartimento di Astronomia del Katholieke Universiteit Leuven (KUL), Observing the universe: a Wonderful Wireless Web
  • Giuseppe Virgilio - Presidente di Telespazio S.p.A., Roma, The achievements and the research projects of the Italian space industry
  • Gian Carlo Coletta – Direttore di Vitrociset Belgium, From spacecraft to the satellite integrated applications: the venture of an Italian subsidiary in Belgium
  • Pier Paolo Campostrini – Direttore del Consorzio Ricerche Laguna Venezia (CORILA) e del Nereus European Network, Satellite applications for regional territory management: the case of Venice lagoon

a cura di
Ambasciata Italiana a Bruxelles

in collaborazione con
Finmeccanica, Monte dei Paschi di Siena, Enel

 

 

 

 

 

 

 

 

 

bruxelles

Il nostro mondo wireless

23 novembre 2009
Istituto di Fisica, Londra

IL NOSTRO MONDO WIRELESS
Festeggiando il centenario del premio Nobel a Marconi

Nel 1909 Guglielmo Marconi ricevette il premio Nobel per la fisica a riconoscimento della sua attività pionieristica nella telegrafia senza fili, che incluse alcune vere e proprie pietre miliari fra gli esperimenti svolti nel Regno Unito. Marconi non era solo un grande scienziato, ma anche un imprenditore di successo, la cui società, tuttora in vita, svolse un ruolo fondamentale nello sviluppo tecnologico del Novecento.
Le sue scoperte nelle comunicazioni senza fili hanno rivoluzionato il nostro modo di vivere: le comunicazioni a lunga distanza, la radio e la TV, il GPS, la telemedicina…. gran parte della tecnologia che oggi diamo per scontata non esisterebbe se non fosse per quel debole segnale inviato dalla Cornovaglia e catturato da una lontana antenna a Terranova, più di cento anni fa.
Quest’evento ha celebrato il riconoscimento del premio Nobel a un grande scienziato italiano e i suoi legami con l’Inghilterra. Ha voluto inoltre essere un’occasione per analizzare i risultati pratici delle sue scoperte e ascoltare scienziati e ingegneri impegnati sulle nuove frontiere delle comunicazioni wireless.
  • Marconi: un pioniere - Marconi e il CNR
  • L’eredità di Marconi: il punto di vista dell’industria
  • La tecnologia al lavoro: portare la scienza nell’industria
  • Applicazioni moderne: comunicazioni mobili - telemedicina
  • Nuove frontiere: Optoelettronica – Ricerca di base
Sono stati esposti alcuni poster sull’attività di Marconi e documenti degli archivi della Marina italiana.

L’evento è stato organizzato da Ambasciata Italiana a Londra, Istituto di Fisica, Regno Unito, Fondazione Marconi, Italia, Accademia Reale di Ingegneria, Regno Unito, CNR, Italia, e sponsorizzato da Ericsson.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

london

Un secolo da Nobel

21-29 novembre 2009
Istituto Magistrale “G. Marconi”, Pescara

1909/2009 MARCONI PER LA SCIENZA: UN SECOLO DA NOBEL

Progetto a carattere pluridisciplinare, patrocinato dal MIUR-USR Abruzzo (Ministero dell’Istruzione – Ufficio Scolastico Regionale), realizzato in collaborazione con il Museo delle Genti D’Abruzzo di Pescara, con la Fondazione Guglielmo Marconi di Bologna, con Di Renzo Editore di Roma, con il Generale Francesco Cremona, maggior collezionista mondiale di cimeli marconiani, con l’Istituto d’Arte “V. Bellisario” di Pescara, con l’Associazione Marconi di Pescara e con il contributo del Comune di Pescara, della Provincia di Pescara, della Regione Abruzzo, della Fondazione Pescara-Abruzzo e del Rotary Club Pescara Ovest. 

La mostra è stata inaugurata il 21 novembre presso il Caffè Letterario del Museo delle Genti d’Abruzzo; sono intervenuti il Presidente del Consiglio Comunale Licio Di Biase, il Dirigente scolastico del “Marconi” Angelo Lucio Rossi, il Direttore del Museo Ermanno De Pompeis, le coordinatrici del progetto Fiorella D’Amico e Cesidia Bruno, le autorità cittadine e locali e, naturalmente, gli studenti del “Marconi”.

La mostra è stata visitata dalla cittadinanza e dalle scuole medie e superiori dal 21 al 29 novembre. Inserita in un percorso tecnico-scientifico sulla storia e l’evoluzione delle tecnologie, sugli strumenti e tecniche di lavoro, sulla meccanizzazione dei processi produttivi e sulla capacità di sfruttare le risorse del territorio, la mostra dedicata a Marconi è stata curata e presentata dagli studenti per l’intero periodo di esposizione.

La presentazione del libro “Marconi mio padre” di Degna Marconi Paresce (Di Renzo Editore) si è svolta il 24 novembre presso l’Auditorium del Museo delle Genti D’Abruzzo di Pescara, a cura dell’Associazione Marconi di Pescara. Sono intervenute le autorità locali, il Dirigente scolastico Angelo Lucio Rossi, il Direttore del Museo Ermanno De Pompeis, le coordinatrici del progetto Fiorella D’Amico e Cesidia Bruno, il Presidente dell’Associazione Marconi Giuseppe Ciardulli, Francesco Paresce, Astrofisico e nipote di Marconi, il Generale Francesco Cremona e, naturalmente, gli studenti del “Marconi”.

La conferenza-dibattito si è tenuta il 25 novembre presso il Cinema Teatro Massimo di Pescara, alla presenza di tutti gli studenti del “Marconi” e delle loro famiglie. Temi conduttori: “L’uomo e lo scienziato”, “Marconi e la Fisica spaziale”, “I giovani e la scienza”. Sono intervenuti il Direttore generale dell’USR - Abruzzo Carlo Petracca, il Presidente del Consiglio Comunale Licio Di Biase, il Dirigente scolastico Angelo Lucio Rossi, le coordinatrici del progetto Fiorella D’Amico e Cesidia Bruno, Francesco Paresce, Astrofisico e nipote di Marconi, il giornalista scientifico e docente di fisica Marco Gargantini, le autorità cittadine e locali.

 

pescara

 

 

 

 

 

 

 

Premio d'Arte Marconi

14-28 novembre 2009 - Palazzo d'Accusio, Sala d'Ercole, Bologna

Nell'ambito delle celebrazioni del centenario del premio Nobel a Guglielmo Marconi

MOSTRA DEGLI ARTISTI INSIGNITI DEL PREMIO GUGLIELMO MARCONI 1988-2009

a cura di Claudio Cerritelli e Bartolomeo de Gioia

Allestimenti di Franco Savignano

 

Comune di Bologna, Circolo Artistico di Bologna, Comitato Marconi Centenario Nobel, Provincia di Bologna, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
invito p.marconi 1988 2009 fronte


David Sarnoffsarnoff

Marconi è stato l'artefice dell'odierna civiltà della radio. Tutti coloro che, con spirito di iniziativa e perseveranza, ci hanno portato al grado di sviluppo odierno hanno costruito sulle fondamenta gettate da Marconi. Tutti lo hanno considerato il genio tutelare del loro lavoro.



Social Fondazione

youtube64

twitter64

facebook64

rss64


© 2013 - Fondazione Guglielmo Marconi - Villa Griffone - via Celestini 1 - 40037 Pontecchio Marconi (BO) - C.F 80063250379

Utilizziamo i cookies per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Proseguendo nella navigazione accetti la nostra cookie policy.