+ - reset
English (UK)Italian (IT)

Jagadish Chandra Bose

Nato a Mymensingh (Bengala) nel 1858, Bose studiò prima a Calcutta poi, dal 1880, in Inghilterra (Londra e Cambridge). Nel 1885 tornò in India, dove insegnò fisica al Presidency College di Calcutta per oltre trent'anni.

Al College ebbe modo di effettuare le sue ricerche, benché sfavorito e discriminato in quanto "nativo". Interessato all'elettromagnetismo, si dedicò a una sperimentazione con microonde (circa 5 mm.). In una pubblica dimostrazione del novembre 1894 a Kolkata, Bose fece suonare una sveglia ed esplodere una carica, utilizzando impulsi a distanza.

Nel 1896, a Londra per un ciclo di conferenze, incontrò Marconi, che stava facendo esperimenti per il Post Office. Tra loro non si stabilì corrispondenza alcuna, anche perché Bose, contrario ai brevetti, manifestò sempre il suo disinteresse per l'aspetto commerciale della ricerca.

A Calcutta proseguì per alcuni anni il suo lavoro sulle onde elettromagnetiche, tra l'altro sperimentando per primo i semiconduttori come rivelatori.

Dopo il 1900, si dedicò alla fisiologia vegetale, studiando in particolare l'azione delle microonde sui tessuti delle piante. Ideò il "crescograph", strumento utile a valutare il tasso di crescita dei vegetali. Estese anche ai metalli la sua indagine sulla sensibilità, sottoponendoli a stimoli elettrici.

Membro di numerose accademie e istituzioni, fu insignito nel 1916 del titolo di "Sir". Fondò e diresse il Bose Institute. Morì a Giridih (Bengala) nel 1937.

La questione della priorità - sollevata per quasi tutte le invenzioni ma particolarmente sentita per il wireless e la radio - riguarda da vicino Bose. È innegabile che, sviluppando un'autonoma linea di ricerca, Bose abbia raggiunto tra i primissimi una serie di risultati sperimentali assai significativi. Probabilmente è lui, insieme a Tesla, a detenere una sorta di primato cronologico. Entrambi tuttavia, pur con motivi e modalità assai differenti, ignorarono o trascurarono il campo della radiotelegrafia, che fu invece il campo di elezione per Marconi. Ciò non toglie che appartengano di diritto al pantheon delle comunicazioni a distanza.

 

 

 

 

   

bose

cresco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Francesco Paresceparesce francesco

Marconi era l'uomo giusto al posto giusto al momento giusto. Era l'uomo giusto perché possedeva la combinazione ideale di caratteristiche personali per l'impresa: tenacia, coraggio, capacità tecnica, carisma e predisposizione alle relazioni pubbliche.



Social Fondazione

youtube64

twitter64

facebook64

rss64


© 2013 - Fondazione Guglielmo Marconi - Villa Griffone - via Celestini 1 - 40037 Pontecchio Marconi (BO) - C.F 80063250379

Utilizziamo i cookies per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Proseguendo nella navigazione accetti la nostra cookie policy.